sabato 25 luglio 2015

Recensione "Un giorno" di David Nicholls

Titolo: Un giorno
Autore: David Nicholls
Pagine: 488
Prezzo di copertina: 9,90 euro 
Prezzo ebook: 7,99 euro
Editore: Neri Pozza

Sinossi:
È l'ultimo giorno di università, e per due ragazzi sta finendo un'epoca. Emma e Dexter sono a letto insieme, nudi. Lui è alto, scuro di carnagione, bello, ricco. Lei ha i capelli rossi, fa di tutto per vestirsi male, adora le questioni di principio e i grandi ideali. Si sono appena laureati, l'indomani lasceranno l'università. È il 15 luglio 1988, e per la prima volta Emma e Dexter si amano e si dicono addio. Lui è destinato a una vita di viaggi, divertimenti, ricchezza, sempre consapevole dei suoi privilegi, delle sue possibilità economiche e sociali. Ad attendere Emma è invece un ristorante messicano nei quartieri nord di Londra, nachos e birra, una costante insicurezza fatta di pochi soldi e sogni irraggiungibili. Ma per loro il 15 luglio rimarrà sempre una data speciale. Ovunque si trovino, in qualunque cosa siano occupati, la scintilla di quella notte d'estate tornerà a brillare. Dove sarà Dexter, cosa starà combinando Emma? Per venti anni si terranno in contatto, e per un giorno saranno ancora assieme. Perché quando Emma e Dexter sono di nuovo vicini, quando chiacchierano e si corteggiano, raccontandosi i loro amori, i successi e i fallimenti, solo allora scoprono di sentirsi bene, di sentirsi migliori. Comico, intelligente, malinconico, Un giorno cattura l'energia sentimentale delle grandi passioni: i cuori spezzati, l'intricato corso dell'amore e dell'amicizia, il coraggio, le attese e le delusioni di chiunque abbia desiderato una persona che non può avere.



E' sempre colpa di Thomas Hardy, in qualche modo. Dopo questa constatazione, passiamo al romanzo vero e proprio.
One Day è ormai un cult, un classico moderno; più di una volta mi sono beccata occhiate sconcertate in seguito all'ammissione di non aver ancora visto il film perché, puntualizzavo, meglio leggere il libro prima che, a proposito, vince alla grande la sfida letteratura vs cinema.
Emma Morley e Dexter Mayhew si conoscono il giorno della laurea, tra di loro si instaura subito un rapporto odio/amore decisamente anomalo. Entrambi galvanizzati dal traguardo raggiunto, hanno in cantiere grandi progetti: Emma vuole diventare scrittrice, contribuire al disarmo nucleare e fermare la guerra nel mondo, Dexter, beh, vuole continuare a spassarsela, semplicemente, solo molto in grande. E alla grande ci riesce per un po' di tempo bazzicando il magico mondo dello spettacolo, ancora più sfolgorante se sei sempre ubriaco e strafatto, quasi oltre le soglie della dipendenza.
Ma il tempo passa e ti fa capire chi sono i veri amici e così, il duo Dex ed Em, Em e Dex, tra alt(r)i e bassi, riesce a sopravvivere consolidando la lunga amicizia e forse quel qualcosa in più che aleggia nell'aria.
Malinconico e denso di citazioni e rimandi, lo stile di Nicholls è quello dei grandi; i protagonisti, non immediatamente simpatici, catturano, costringono a star loro dietro e, come i buoni amici che sono, fanno altrettanta buona compagnia durante improvvisi acquazzoni estivi.
Con lo scorrimento lento, il rewind, si rivede l'inizio di tutto , at St. Swithin's Day, e pensi, nonostante il retrogusto indefinibile che ogni storia dolceamara lascia dietro di sé, che va bene così.
<<Addio. A presto>>.



Risultati immagini per david nichollsDavid Nicholls ha studiato da attore prima di dedicarsi alla scrittura. Autore televisivo, ha lavorato con la BBC realizzando adattamenti shakespeariani e numerose serie di successo, ottenendo due nomination per i BAFTA Awards.
Il suo primo romanzo, Starter For Ten (2004), è diventato un film, Il quiz dell'amore, e il secondo, The Understudy, è in attesa di trasposizione cinematografica. Un giorno, uscito nel giugno 2009, ha ricevuto uno straordinario successo di critica ed è stato per dieci settimane nella classifica dei bestseller. Venduto in tutto il mondo, è diventato un clamoroso successo in Germania, il primo paese che lo ha pubblicato dopo la Gran Bretagna.

8 commenti:

  1. Sfondi una porta aperta.
    Lo amo, lo consiglio e lo presto da anni.
    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero di poter fare altrettanto. Magari a tutte quelle che, esaltando il film, non sanno davvero di cosa stanno parlando.

      Elimina
    2. ecco stavo appunto scrivendo che ne avevo sentito parlare bene da Mr Ink che mi ritrovo un suo commento :P
      in ogni caso sono come te, prima i libri e poi forse il film, e questo è uno di quelli presenti nella mia infinita wish list. e One Day lo leggerò! buona domenica a tutti!

      Elimina
  2. Io non ho visto il film, quindi posso ancora godermelo, ma ho paura che sia troppo triste T__________T

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il film. secondo me, è decisamente sopravvalutato: troppi tagli, tutto troppo veloce e nonostante la Hathaway mi sia piaciuto molto, il confronto con il libro non regge affatto.

      Elimina
  3. Ciao Cecilia!! Ho letto Noi, ma questo mi manca. l'ho comprato perchè le LGS mi hanno quasi minacciata ma non l'ho ancora affrontato. Le aspettative sono abbastanza alte e prima o poi mi deciderò. Sicuramente la tua recensione mi ha positivamente influenzata :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Merita davvero, spero lo leggerai ed apprezzerai presto. Noi lo leggerò prossimamente, magari dopo aver recuperato qualche altro Nicholls :)

      Elimina

I commenti sono fondamentali per lo scambio di opinioni e la crescita culturale di ogni persona che passa da questa Sala; dunque, se vorrai lasciarne uno, saremo ben felici di sapere quale sia il tuo pensiero :)

Grazie.