giovedì 9 luglio 2015

Blogversary, e sono due! (Speciale Speaker's Corner con una scrittrice "senza nome" e ringraziamenti vari).

Cari amici lettori e lettrici, oggi niente recensioni su La Sala dei Lettori Inquieti.
Questo post è commemorativo, in quanto oggi ricorre l'anniversario di fondazione e questa Sala virtuale compie due anni. 
Caspita, è un sacco di tempo. Non comincerò con sentimentalismi vari che non mi appartengono, dico solo che pian piano, anche agli inizi quando non era certo facile, mi sono affezionata al blog ed è diventato una delle cose migliori che abbia mai realizzato, che mi ha portata a compiere esperienze incredibili come mettere su una biblioteca di sana pianta insieme agli amici dell'Associazione Agorà o  incontrare grandi autori, cosa che non avrei mai pensato essere possibile.
E per questo vi ringrazio, perché un blog è un continuo working in progress e non sarebbe quello che è senza i suoi lettori. I lettori fissi, i lettori occasionali, quelli silenziosi e quelli che commentano saltuariamente, quelli che vorrebbero farlo ma non sanno come, quelli che passano qui per caso.
A tutti voi dico GRAZIE perché avete speso, spendete o avete intenzione di farlo, un poco del vostro tempo prezioso a leggere quello che scrivo, nonostante non brilli per saggezza, simpatia, sagacia e quant'altro.


Per rendere speciale questo giorno senza dover organizzare il solito Giveaway di compleanno, idea già molto diffusa, ho chiesto ad un'autrice di essere nostra ospite per festeggiare con noi questa importante data.
L'autrice in questione è l'adorabile Alice Basso che, con molta cordialità e disponibilità, parlerà oggi del suo L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome (recensione QUI), uno degli esordi più originali letti quest'anno, che l'hanno fatta entrare di diritto nella sfera di autori e autrici per le cui opere avrò sempre un occhio di riguardo, perché Vani è davvero un bel personaggio e ha saputo conquistarmi sin dalle prime righe. Non si parlerà solo di questo però: infatti siamo tutti lettori inquieti qui, e mi è sembrato opportuno che pure Alice ci mostrasse questo lato di sé, cosa che ha accondisceso a fare.
Buona lettura, dunque!




Intervista ad Alice Basso


autrice de "L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome"


Risultati immagini per alice basso scrittrice


Buongiorno Alice, grazie per aver accettato di essere ospite di questa Sala!

Buongiorno Cecilia, grazie a te!

            Chi è Alice Basso?

Benissimo, mi presento. Ho trentacinque anni – ma ho l'impressione di non dimostrarli, perlomeno a giudicare dalla sistematicità con cui chi m'incontra mi dà subito del tu. (A volte è una manna dal cielo, altre una rottura, t'assicuro). Lavoro come redattrice e traduttrice per alcune piccole case editrici; nel tempo libero amo fare una serie di cose inutili ma divertenti (come spesso sono le cose inutili), come cantare e suonare in un paio di band, scrivere canzoni, disegnare. E scrivere, naturalmente, anche se questa da qualche mese a questa parte si è inaspettatamente rivelata una cosa utilissima. 
Da quando è uscito il mio libro la gente si aspetta che io somigli moltissimo alla sua protagonista. Che però è molto più ombrosa di me, più schiva, direi quasi una sociopatica. Tranquilli: io sono molto più normale. Non so se sia una buona notizia per chi si è preso una cotta per lei, ma per me di sicuro lo è, perché non so se sarebbe facile vivere come Vani Sarca...

  Tu lavori per un paio di piccole case editrici, quindi hai esperienza da “oltre la barricata”, ma adesso sei anche una scrittrice a tutti gli effetti. Quale tra le due professioni ritieni ti si addica maggiormente?

Scrivere mi piace di più, ma, bella forza: scrivere mi piace di più di qualsiasi altra cosa, quindi questa era una risposta facile. Però anche fare il redattore può dare grandi soddisfazioni: parti da un libro promettente, buono, pieno di potenziale, e ne fai un libro ottimo; lo adatti immedesimandoti nel lettore finale, ma anche nell'autore e in quello che intende dire... E poi c'è tutto il contesto editoriale – il dialogo con i librai, con i lettori, con gli scrittori; l'eterno conflitto fra ragioni commerciali e ragioni artistiche; le scadenze sempre troppo strette... – che aggiunge pepe alla cosa.


   Alice lettrice ha un gusto letterario più vicino a quello di Riccardo, amante dei classici, a Berganza, serial reader di gialli, o a Vani lettrice onnivora?

La roba che legge Riccardo, tutta quella letteratura americana dell'età della Grande Depressione, era in cima ai miei gusti quando avevo vent'anni (forse perché cercavo lavoro e simpatizzavo facilmente con i pezzenti di Steinbeck, eh eh). Tuttora Fante e Steinbeck stesso sono ai vertici della mia classifica di scrittori preferiti. Però sono in sintonia anche con il commissario Berganza: a un bel giallo non si dice mai di no, meglio ancora se non si tratta di un giallo “monocromatico”, ma di uno di quelli in cui l'indagine, pur presente, è più che altro il pretesto per conoscere i protagonisti, esplorare sottotrame, entrare in un mondo fatto insomma non solo di indizi e procedure legali. E poi, sì, certo, leggo anche altro. Per esempio ho una passione per la letteratura per ragazzi, che conosco anche per lavoro. Comunque direi che un libro intessuto di ironia, di qualsiasi genere sia, riesce sempre a conquistarmi.


   Ami molto la musica e fai parte di ben due band. Da dove nasce questa passione?

Di preciso non saprei (d'altra parte, ora che mi hai messo la pulce nell'orecchio, mi rendo conto che non saprei dirti nemmeno da dove nasca la passione per la scrittura... mi verrebbe da dire che queste passioni nascono e basta, te le trovi lì e ci fai i conti); però ho notato che non è affatto raro che chi è un creativo in un campo lo sia anche in altri. A me per esempio piace moltissimo scrivere canzoni, oltre che interpretarle (e che ne diresti di un piccolo, microscopico spoiler? Mi piacerebbe moltissimo che, nel secondo libro – perché le avventure di Vani e del commissario Berganza continueranno in un secondo libro, già fra le mani di Garzanti – anche Vani dovesse cimentarsi con questa insolita attività, che dopotutto sempre scrittura è!).

  Mi ha colpita molto l’analisi che Vani, in un certo passaggio del romanzo, fa circa la composizione ed il significato intrinseco attribuibile a ciascuna sezione di una rivista femminile. Cos’hai da dire al riguardo?

Effettivamente c'è un punto del libro in cui Vani e Riccardo dicono ciascuno la sua su cosa pensano delle riviste femminili: Riccardo è molto critico e le trova piene di incoerenze (articoli che celebrano donne celebri e capaci accanto a servizi di moda che propongono come icone di stile modelle di quaranta chili...); Vani invece ci trova del buono, arrivando addirittura a scovare dei meriti “letterari” in rubriche su scarpe e vestiti. In realtà, a parlare per bocca di Vani è soprattutto il suo spirito polemico, di bastian contrario. Io un po' Riccardo lo capisco (e anche Vani, sotto sotto). Ciò non toglie che alcuni fra gli articoli più illuminanti che ho letto (tipicamente sulla condizione femminile in determinati luoghi del mondo o settori della società) io li abbia trovati in riviste del genere. Quindi forse tutto sta negli occhi del lettore: probabilmente quel che si trova dipende da cosa si cerca... Una cosa la devo dire, però: ancora nessuna rivista femminile ha recensito male il mio libro perché conteneva questa parte così critica, e questo fa loro molto onore!


  Ne L’imprevedibile piano della scrittrice senza nome sembra esserci una particolare attenzione ai nomi propri; un esempio è il secondo nome della protagonista, Cassandra, che avrebbe a che fare con il carattere introverso della protagonista. A questo proposito, si potrebbe dire lo stesso di un altro personaggio, Morgana?

Ah, ma qui c'è il trucco! Devi sapere infatti che il nome di Morgana non l'ho scelto io. Sta' tranquilla, non sto per sparare una di quelle assurdità che ogni tanto qualche autore sgancia, tipo “mi è stato suggerito in sogno dal fantasma di Simone de Beauvoir”: semplicemente... Morgana esiste. E' sul serio una ragazzina che conosco – magari non identica al 100% a quella del libro, ma che me l'ha fortemente ispirata. E siccome si parla del personaggio di una piccola dark, che ama tanto leggere e ha una tendenza al cinismo dissacrante, il nome Morgana calzava perfettamente con la sua personalità ed è stato mantenuto.

   Vani continuerà a tenere compagnia ai lettori per qualche tempo, poiché L’imprevedibile piano della scrittrice senza nome sembra essere il primo di una serie. Hai già pianificato di quanti titoli sarà composta oppure deciderai in seguito? Altri progetti per il futuro?

Fosse per me, io ci passerei la vita, a scrivere le storie di Vani e del commissario Berganza. Per ora, per contenere la grafomania e non lasciarmi trasportare da eccessivo entusiasmo, posso dirti quali sono i paletti che mi sono autoimposta: vorrei che ogni storia (perlomeno nella sua trama principale) avesse una sua autosufficienza, cioè che non lasciasse il lettore in sospeso oltre l'ultima pagina (io odio i libri e i film che terminano così, ossia non terminano, e ti costringono ad aspettare per forza un sequel che chissà quando uscirà!), e vorrei anche avere la lucidità, che per esempio ha avuto Bill Watterson (il mio autore di fumetti preferito: l'ho detto che leggo di tutto...), di non protrarre una serie troppo a lungo, magari dopo il punto in cui l'ispirazione e la freschezza se ne sono palesemente andate.

    Un’ultima curiosità: i titoli dei tuoi romanzi saranno tutti simili a scioglilingua oppure no?

Ah ah! Questo titolo ha una storia dietro, sai? Inizialmente io pensavo che il romanzo si sarebbe intitolato semplicemente “Ghostwriter”, poi mi è stato fatto notare – molto sensatamente, secondo me – che un lettore non è tenuto a sapere cosa significhi, e che anzi, se si trova in quel limbo per cui non conosce il significato preciso del termine ma ne sa abbastanza di inglese da sapere che si traduce come “scrittore fantasma”, magari avrebbe immaginato una storia di fantascienza. Così siamo andati a caccia di altri titoli, finché mi è stato proposto questo. Io sapevo che un titolo lungo ed elaborato avrebbe avuto dei lati negativi (come, ovviamente, lo sapevano le mie editor), ma l'altro lato della medaglia è che i titoli lunghi, “narrativi”, sono così belli! Ti raccontano già una storia, ti vengono incontro dandoti un sacco di elementi, sono “colorati” e suggestivi; e poi, potevamo fare un libro che parla di libri e aver paura che i lettori si spaventassero per qualche parola in più nel titolo? :D (Detto ciò, il titolo del secondo è ancora un'incognita anche per me. Io un'idea già  l'avrei, ma... che ne dici, ci risentiamo?) ;)

Se vorrai tornare a trovarci, sarà sempre un piacere, cara Alice!

Nel frattempo mi auguro che tutti voi vi siate divertiti quest'oggi.

Un abbraccio a tutti e grazie mille ancora.
xxx
Cecilia

10 commenti:

  1. Tanti auguri per il traguardo, Cecilia, e complimenti per l'intervista.
    Ieri ho chattato con Alice e sì, è gentilissima e simpaticissima. Come Vanni, ma al contrario. E a me - spero lo legga - i libri dal titolo lunghissimo piacciono un mondo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Michele.
      Sì, Alice è davvero simpaticissima e soprattutto non se la tira, qualità rara in coloro che pubblicano al giorno d'oggi, che siano esordienti o meno.
      Nemmeno io ho nulla in contrario ai titoli lunghi, tuttavia mi sento di odiarli un poco quando ne parlo con qualcuno e tendo a fare una confusione tremenda, scambiando termini per altri.
      Per dire: anziché piano, ero convinta che l'imprevedibilità fosse del caso, facendo confusione con l'apprendista libraia sempre Garzantiniana.

      Elimina
    2. (Niente, passavo di qua e volevo solo dire che vi amo moltissimo. Ahah, "come Vani ma al contrario", ahah!)
      Alice
      (PS: se un esordiente becca recensioni come le vostre e NON reagisce come me, cioè venendovi a dire che vi ama moltissimo, è uno schifoso impostore). :D

      Elimina
    3. Se un'autrice si becca recensioni positive in quantità industriale evidentemente, che sia esordiente o meno, se le merita fino all'ultima buona parola ;)

      Elimina
  2. Tanti auguri al blog!!!! Se passi da me c'è una sorpresa per te!!!!

    RispondiElimina
  3. ma spiegami perchè nonostante io ti abbia vista innumerevoli volte si G+ non mi sono mai accorta quanto fosse fantastico il tuo Blog? devo avere proprio i paraocchi!!!!!!!!! :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capita, a volte, non preoccuparti. E comunque grazie Mariarosaria, sei sempre molto carina a cliccare G+1 :)

      Elimina

I commenti sono fondamentali per lo scambio di opinioni e la crescita culturale di ogni persona che passa da questa Sala; dunque, se vorrai lasciarne uno, saremo ben felici di sapere quale sia il tuo pensiero :)

Grazie.